7-8 | MARZO | 2016 | MCE2016 | MOBILITY CONFERENCE EXHIBITIONMCE2016

NEWS

OpenMove, ottimizzare la mobilità sullo smartphone interessa alle grandi del settore

OpenMove, ottimizzare la mobilità sullo smartphone interessa alle grandi del settore

Tra i tanti protagonisti di MCE 4x4 2016 ci sono sicuramente i ragazzi di Lucian srl e del loro progetto OpenMove. OpenMove è una piattaforma di gestione di ticket per il trasporto e per la sosta lanciata nel 2015 e che mira a rendere la mobilità più semplice e gestibile.

Nuvolab, advisor per MCE4x4, ha incontrato Lorenzo Modena, CEO e Founder di OpenMove, per farsi raccontare un po’ meglio della loro startup, delle novità che li hanno riguardati nell’anno appena concluso e degli opportunità che sono riusciti a cogliere partecipando alla Mobility Conference Exhibition 2016.

Ricordiamo a tutte le startup del mondo mobility interessate a cogliere l’opportunità di MCE4x4 che è possibile inscriversi alla call attraverso questo link entro il 20 febbraio.

 

1) Ciao Lorenzo, raccontaci brevemente cosa fa OpenMove e qual è il vostro “perchè”

Lucian S.r.l. è una società che sviluppa software per l’ITS (Intelligent Transportation Systems), ovvero la mobilità intelligente. Il nostro prodotto di punta è OpenMove, un sistema di mobile ticketing per il trasporto e la sosta, costituito da:
- app e webapp gratuite per gli utenti, per trovare e pagare facilmente i biglietti; 
- portale di amministrazione, webservice e app dedicata per la controlleria dei biglietti. 

La soluzione è innovativa in quanto:
• multi-servizio e multi-agenzia, perché tutti i servizi di trasporto e sosta, anche di vari provider, trovano posto all’interno di un’unica app;

• as-a-Service, perché sottende un innovativo modello di business, senza costi di implementazione e manutenzione a carico delle società di trasporto;

• plug&play, perché permette di gestire autonomamente - in modo facile ed intuitivo - un intero sistema di bigliettazione digitale, con un time-to-market a tempo di record.

 

In sostanza, anche una piccola società che gestisce pochi mezzi di trasporto o posti auto oppure, ad esempio, chi organizza navette e parcheggi per eventi musicali o sportivi può dotarsi di un nuovo canale di vendita in pochi minuti!

 

2) L'anno scorso siete stati selezionati per partecipare a MCE 4x4 nella sezione superENTERPRISE perchè eravate tra i progetti più interessanti della vostra categoria, cos'è cambiato per voi in questo anno? Ci sono stati avvenimenti importanti che volete raccontare?

Da un lato, nel corso degli ultimi 12 mesi abbiamo messo a punto la nuova piattaforma di amministrazione per le società di trasporto e sosta: ora possono registrarsi autonomamente ed ottenere un nuovo canale di vendita senza alcun costo fisso iniziale. Abbiamo raggiunto in questo modo nuovi clienti in un nuovo bacino di mercato: tutte le piccole e medie città o società di trasporto, che non hanno le risorse di bilancio ma anche di tempo per progettare e mantenere un sistema di ticketing digitale.

Dall’altro lato, stiamo lavorando con nuovi clienti premium per cui evolviamo soluzioni custom; un esempio è Ericsson, con cui lavoriamo per grandi commesse in Europa e Medio Oriente.

 

3) Operate ormai da alcuni anni nel mondo dell'innovazione della mobilità, sulla base di quello che vedete tutti i giorni quali saranno i trend di questo 2017 rispetto al vostro settore? In che direzione andrà la mobilità nei prossimi anni secondo voi?

Chiediamoci innanzitutto questo: qual è il nostro mezzo di trasporto preferito? Auto, bus, treno? Nessuno di questi, è lo smartphone! La tecnologia mobile rappresenta un meraviglioso strumento di accesso per una mobilità door-to-door integrata ed intelligente, fatta di più mezzi di trasporto tra loro complementari. Per quanto ci riguarda, nel corso del 2017 porteremo inoltre sul mercato una soluzione completamente nuova in ambito parking, su cui però non mi posso ancora sbilanciare. Per concludere, non credo di dire nulla di nuovo se cito anche auto elettriche e a guida autonoma, che sono pronto a scommettere potranno circolare su strada non più in là di 6-7 anni.

 

4) Anche quest'anno riparte MCE 4x4, evento di punta di Assolombarda riguardante il settore della mobilità, voi che avete partecipato l'anno scorso cosa avete portato a casa da questo evento? E' stato utile?

Abbiamo apprezzato il taglio molto concreto, culminato in uno dei pochi eventi di matchmaking per startup che veramente funzionano, soprattutto perché dall’altra parte del tavolo ci sono aziende che effettivamente sono interessate ad esplorare ed acquistare nuova tecnologia. Una delle aziende presenti, che opera nel settore del trasporto passeggeri, è ora nostra cliente; questo per noi ha significato una crescita aziendale ed un’evoluzione di OpenMove per rispondere alle loro esigenze, mettendo a punto strumenti per l’emissione e la controlleria di biglietti anche di tipo cartaceo. In questo modo la nostra offerta è completa: al canale di vendita digitale, siamo ora in grado di offrire anche una soluzione completa di bigliettazione tradizionale, che per molti clienti rappresenta ancora più del 90% del fatturato.

 

5) Date un consiglio alle startup che parteciperanno a MCE e ad eventi simili a questo: qual è l'approccio giusto? Quali azioni è utile intraprendere per massimizzare la presenza a queste manifestazioni? Come facilitare l'incontro tra startup e aziende storiche strutturare?

Scordate il classico investor pitch: le aziende presenti non cercano il sensazionalismo da startup ma voglio percepire concretezza e qualità del lavoro. Credo poi che la distinzione tra startup e aziende non sia affatto quella che conta, la distinzione è piuttosto tra chi offre prodotti e tecnologie e chi li cerca in risposta alle proprie necessità: è quando c’è questa complementarietà che funzionano i matchmaking. Giovani aziende (non chiamiamole startup) che portano innovazione, qualità e velocità di azione ed aziende mature che portano esperienza, credibilità e mercato costituiscono un binomio vincente, che noi abbiamo verificato essere fruttifero per entrambe.

SHARE share on facebook share on twitter